Pronto Soccorso pediatrico

Niki2000: «Un macchinario anti-dolore per i bambini»

Niki2000 donato da Vega Onlus al Pronto Soccorso pediatrico. Il dottor Massart, responsabile del Pronto Soccorso: «Strumento utilissimo»

dall’articolo del 7 ottobre 2020 di Francesco Paletti, la Nazione

Si chiama Niki 2002 ed è una macchina “amica” dei bambini. Soprattutto di quelli un pizzico più sfortunati degli altri, che hanno bisogno delle cure del Pronto Soccorso pediatrico della Aoup. Ma è un ausilio importante anche per i medici «perché grazie a questo nuovo strumento che somministra analgesico, il piccolo non sente dolore e per noi diventa tutto più facile, anche interventi all’apparenza banali, come un esame del sangue: fare anche solo un’iniezione ad un bimbo di pochi mesi, infatti, non è sempre così semplice» spiega il dottor Francesco Massart, responsabile del Pronto Soccorso pediatrico del policlinico di Cisanello.

Niki 2002 […] è il frutto di una donazione di Vega Onlus, l’associazione promossa nel 2019 per coltivare, attraverso iniziative di solidarietà e di vicinanza ai più deboli, la memoria delle vittime dei due più gravi incidenti che hanno colpito la 46ª Aerobrigata […]

«Siamo molto contenti soprattutto perché con questa donazione siamo stati in grado di rispondere ad un bisogno che avevamo raccolto da parte dei medici del pronto soccorso pediatrico» spiega il maggiore Francesco De Vincenti presidente Vega Onlus […] L’ingrediente “segreto” di Niki 2002 si chiama protossido di azoto.

«Gas esilarante insomma, […] conosciuto anche in medicina come un importante sedativo e analgesico – sorride il dottor Massart –. Il problema è sempre stato la modalità di somministrazione dato che, essendo allo stato gassoso, si propaga nell’aria e, dunque, può essere assunto anche da persone diverse dai pazienti. Con la nuova macchina, però, questo rischio non c’è più.

«Il nuovo macchinario, infatti, somministra la miscela gassosa grazie ad una mascherina che impedisce la diffusione nei dintorni. Non solo, è “a domanda”, ossia è il paziente in base al dolore che sente che può decidere quando inalarlo, è istantaneo sia negli effetti che nella loro cessazione, quindi non ci sono tempi di attesa successivi all’intervento medico e non è necessario essere anestesisti per utilizzarlo.»

[…]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *