Coronavirus

Il coronavirus SARS-COV-2 è trasportato dal particolato atmosferico

Importante risultato emerso dalla ricerca della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA): il coronavirus SARS-COV-2 è trasportato dal particolato atmosferico.

Lo ha annunciato la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA): il Coronavirus Sars-Cov-2 è stato ritrovato sul particolato atmosferico (l’acronimo è PM), nel quale rientrano dunque anche le polveri sottili PM10 e PM2.5. Questa importante evidenza segue di circa un mese un Position Paper pubblicato dalla stessa SIMA sulla “Valutazione della potenziale relazione tra l’inquinamento da particolato atmosferico e la diffusione dell’epidemia da Covid-19” (qui lo studio).

Nello specifico la prima parte di questa nuova ricerca aveva come obiettivo quello di rilevare la presenza dell’RNA del Sars-Cov.2 sul particolato atmosferico. “Le prime evidenze relative alla presenza del coronavirus sul particolato provengono da analisi eseguite su 34 campioni di PM10 in aria ambiente di siti industriali della provincia di Bergamo, raccolti con due diversi campionatori d’aria per un periodo continuativo di 3 settimane, dal 21 febbraio al 13 marzo” spiega il professor Leonardo Setti, coordinatore del gruppo di ricerca scientifica insieme al professor Gianluigi De Gennaro e al professor Alessandro Miani, presidente della SIMA.

[…] Secondo il professor De Gennaro “questa è la prima prova che l’Rna del Sars-CoV-2 puo’ essere presente sul particolato in aria ambiente suggerendo cosi’ che, in condizioni di stabilita’ atmosferica e alte concentrazioni di PM, le micro-goccioline infettate contenenti il coronavirus Sars-CoV-2 possano stabilizzarsi sulle particelle per creare dei cluster col particolato, aumentando la persistenza del virus nell’atmosfera come gia’ ipotizzato sulla base di recenti ricerche internazionali.

[continua a leggere su 3bmeteo]

personale e pazienti in terapia intensiva

NIKI2002: un aiuto al personale sanitario contro i virus

Da quando è esplosa la pandemia  COVID19 ad oggi, il nostro  Sistema Sanitario è impegnato ad affrontare problematiche impellenti ed enormi legate al gran numero di pazienti improvvisamente bisognosi di cure intensive. Pazienti che vengono assistiti da macchine e, soprattutto, da  Personale Sanitario che risulta il più esposto al contagio.

Conformemente a quanto raccomandato nel Rapporto ISS COVID-19 • n. 5/2020 del 23 marzo 2020, abbiamo adattato il nostro dispositivo medico di classe IIA  NIKI2002, già utilizzato con successo in molte sale operatorie per l’abbattimento di sostanze inquinanti e pericolose, al fine di garantire una maggiore protezione del Personale Sanitario anche contro i virus.

  • Aspirazione e captazione aumentata
  • Doppio stadio di filtrazione HEPA
  • Maschere autoclavabili e riutilizzabili

Airnova NIKI2002 VS Covid19

Fermare i cambiamenti climatici? Partiamo dalla stalla

La zootecnia è fonte di un’ingente quantità di metano e protossido di azoto, due gas ad effetto serra. Il primo si forma principalmente nei pre-stomaci dei ruminanti, nei quali il microbiota degrada i tessuti vegetali liberando il gas. Altro metano viene poi r

I gas serra continuano a crescere

I gas serra segnano un nuovo record e non c’è nessun segno di inversione di tendenza: solo El Nino, che aveva dispiegato i suoi effetti nel biennio 2015-16 ha rallentato la corsa, ma solo perché il danno era già stato fatto prima.

Alla vigilia della riunione della Cop 24 sul climate change in Polonia, è l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (Wmo) a lanciare l’allarme: le concentrazioni medie di anidride carbonica nell’atmosfera a livello globale hanno raggiunto 405,5 parti per milione nel 2017, con un trend in continuo aumento (400,1 parti per milione nel 2015). (… continua)

Congresso Nazionale S.I.A.I.S. 2018

Le trasformazioni che stanno interessando il settore sanitario