Airnova 4.0 qualità dell’aria in ambienti confinati

Airnova, da trent’anni azienda leader nel mercato della qualità dell’aria in ambienti confinati, offre soluzioni tecnologiche integrabili capaci di supportare le aziende del settore sanitario nell’affrontare le crescenti criticità legate alle infezioni ospedaliere, al comfort e alla salute degli operatori, al risparmio energetico e al contenimento dei costi di gestione

(articolo pubblicato su Tecnica Ospedaliera di febbraio, 2022)

EDO2000 è il sistema integrato di monitoraggio ambientale in continuo, dedicato al controllo e alla supervisione di tutti i parametri critici che possono generare condizioni di rischio per la salute di pazienti e operatori ospedalieri. È appositamente studiato per ambienti definiti “a contaminazione controllata”, come sale operatorie, camere bianche, cell factory, centrali di sterilizzazione, reparti infettivi, ematologie, dove il rispetto dell’asepsi e la compatibilità delle condizioni ambientali con quelle previste dalle normative in vigore diventano un obiettivo primario necessario e ineluttabile.

EDO2000 è in grado di monitorare in continuo tutti i parametri ambientali richiesti in prima istanza

La temperatura, l’umidità relativa, la portata d’aria immessa ed il relativo numero di ricambi orari – con l’inserimento di una sonda nel canale di mandata dell’impianto HVAC – la pressione differenziale, la concentrazione del particolato aerodisperso nelle due dimensioni significative 0,5 μm e 5 μm per la verifica di tenuta dei filtri assoluti e il controllo delle particelle veicolanti la carica batterica. Esegue  anche il monitoraggio in continuo su più punti della concentrazione di gas tossico-nocivi dispersi in ambiente – protossido di azoto, alogenati (sevofluorano, desfluorano, isofluorano), alcoli ed aldeidi, anidride carbonica, ossido nitrico. In più, tramite un comando on demand, è possibile campionare un volume d’aria normato su terreno di coltura per l’analisi biologica.

Grazie alla concezione di architettura aperta modulare, può essere potenzialmente ampliato ad aggiornamenti futuri, relativi a tipologia di fattori e numero di ambienti da controllare.

Il monitoraggio in continuo delle condizioni ambientali consente di verificare quotidianamente i criteri di accettazione dettati dal DPR del 14/01/1997, dalle Linee Guida Ispesl dei reparti Operatori e dalla UNI 11425:2011 sulle sale operatotrie

EDO2000 utilizza sensori ed analizzatori ad altissima tecnologia abbinati a un pacchetto software di ultima generazione in grado di archiviare, visualizzare e rappresentare tutti i dati raccolti. Il sistema è controllato da un PLC (Programmable Logic Controller). La gestione è semplice e automatizzata, per garantire una maggiore libertà di utilizzo sia in postazione locale sia remota. È supervisionato da un software appositamente studiato (non embedded), che consente l’interconnessione bidirezionale con il sistema.

Nello specifico, per quanto riguarda la comunicazione dal software al sistema, si rileva che la piattaforma software messa a disposizione permette all’operatore di impostare, in base alle proprie esigenze, le soglie di allarme e le date ed i tempi di campionamento, mentre i sistemi forniscono al software i valori rilevati.

La partnership con Siemens, per sale operatorie sicure e sostenibili

L’evoluzione tecnologica di EDO2000 ha agevolato l’integrazione completa nella piattaforma di supervisione Building Management System (BMS) Desigo CC di Siemens.

Tutti i sottosistemi specialistici di una struttura sanitaria possono interagire tra loro: dagli impianti HVAC a quelli di distribuzione elettrica MT/BT, dagli impianti di rivelazione incendio e spegnimento a quelli per il controllo accessi, dalla rilevazione presenze, l’antintrusione e la TVCC, ai sistemi di contabilizzazione intelligente dei consumi energetici e per il controllo e la regolazione degli impianti a energia rinnovabile, dai sistemi di controllo e regolazione del microclima ai sistemi specialistici al servizio delle esigenze specifiche del presidio stesso.

Nello specifico, Siemens e Airnova, collaborando in forma non esclusiva, hanno già realizzato all’interno di vari complessi ospedalieri sale operatorie certificate ISO 5 sicure per gli operatori e i pazienti e, al contempo, efficienti e sostenibili da un punto di vista energetico, facendo dialogare tra loro le diverse forme di controllo. I dati rilevati dal sistema EDO2000, che monitora in tempo reale le condizioni ambientali delle sale, confluiscono all’interno del quadro principale di gestione Airnova e successivamente vengono visualizzati sui diversi pannelli operatore presenti in ciascuna delle sale operatorie, per garantire agli operatori la massima visibilità delle condizioni reali degli ambienti. Integrandosi con la piattaforma gestionale del Sistema Desigo CC, EDO2000 diventa a tutti gli effetti un sottosistema che dialoga mediante protocolli standard, operando sempre in maniera integrata, interoperabile e intelligente.

Supponiamo ad esempio che i livelli di concentrazione dei gas anestetici o il contenuto particellare salgano oltre i limiti previsti dalle normative. Il sistema di gestione Desigo CC informerà istantaneamente il sottosistema dedicato al controllo degli impianti di Heating Ventilation e Air Conditioning in maniera interoperabile, ovvero interagendo con i controllori che gestiscono le Unità di trattamento dell’aria, andando a variare le percentuali di aria di ricircolo e di estrazione, riportando così nella norma i valori che erano saliti oltre i livelli massimi. Il processo risulta completamente automatizzato, senza necessità d’intervento di personale esterno. E nel caso di un intervento chirurgico in corso, ad esempio, ciò significa che si potrà proseguire in sicurezza salvaguardando sia l’equipe chirurgica sia il paziente.

Grazie anche a questa integrazione, Airnova ha ottenuto l’attestazione della conformità Industria 4.0

EDO2000 è classificato nella categoria “Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità” (secondo gruppo allegato A della Legge 232/2016), alla voce “Altri sistemi di monitoraggio in process, per assicurare e tracciare la qualità del prodotto o del processo produttivo e che consentono di qualificare i processi di produzione in maniera documentabile e connessa al sistema informativo di fabbrica”. Tale classificazione è dettata dal fatto che un intervento operatorio (che per astrazione corrisponde ad un processo produttivo) può essere svolto con successo solo in presenza di specifiche condizioni ambientali, che devono essere costantemente monitorate e registrate al fine di garantire la qualità dell’intervento.

Sala operatoria

Airnova, mantenere controllata la qualità dell’aria

Azienda leader nel settore che da più di trent’anni opera a favore degli ambienti a contaminazione controllata, come gli ospedali

(articolo pubblicato l’1 febbraio 2022 su roma.repubblica.it)

Anche gli impianti di qualità hanno bisogno di essere controllati nel tempo per non diffondere i virus.

Grazie a numerosi studi scientifici è risaputo che il particolato atmosferico, oltre a essere un trasportatore di contaminanti chimici e biologici – virus, tra cui quello del nuovo Coronavirus, inclusi – , costituisce un substrato che può permettere ai batteri di rimanere attivi nell’aria per un certo periodo di tempo.

Ciò sottolinea l’importanza di tener controllata la qualità dell’aria all’interno dei presidi ospedalieri, qualità che potrebbe essere garantita da un impianto di condizionamento dell’aria HVAC e dal suo costante controllo: un aspetto che conosce bene l’azienda Airnova.

L’azienda Airnova è una realtà che possiede un’esperienza trentennale nelle problematiche legate alla qualità dell’aria in ambienti a contaminazione controllata. E sa che anche i migliori sistemi di condizionamento realizzati a regola d’arte – che garantiscono la sufficiente aerazione degli ambienti, l’adeguata filtrazione dell’aria, condizioni termoigrometriche adeguate, la sovrappressione dell’aria in certi locali – hanno bisogno di una manutenzione continua per mantenere alti gli standard.

Continua a leggere l’articolo su roma.repubblica.it